Punti Chiave

  • Assi d'intervento

    • Gestione ed incasso dei crediti

    • Erogazione di anticipazioni finanziarie

    • Protezione contro il rischio di insolvenza (nel pro soluto)

    • Certezza nei tempi di pagamento (maturity factoring)

  • Vantaggi per le Imprese

    • Rendere prevedibili determinate componenti di costo

    • Trasformare i costi fissi in costi variabili

    • Conseguire economie di scala

  • A quali imprese è utile il factoring?

    • A quelle che vogliono affidare ad un operatore specializzato la gestione e il controllo del portafoglio crediti (in tutto o in parte)

    • A quelle che vogliono avere una valutazione e monitoraggio della clientela

    • A quelle che vogliono integrare le linee di credito bancarie

  • A quali settori merceologici è utile il factoring?

    In Italia il mercato del factoring coinvolge tutti i settori, con prevalenza: 

    • Industria in senso stretto (44% circa)

    • Commercio (18% circa) 

    • Sanità e assistenza sociale (8% circa) 

    • Costruzioni (7% circa)

    • Altri settori il 5%

  • Da quali settori di attività economica è utilizzato il factoring?

    Il fronte cedenti è rappresentato per l'88% circa da imprese. I debitori sono per il 50% imprese e per il 33% amministrazioni pubbliche.

  • Che tipo di analisi effettua il factor prima di avviare la relazione?

    Nell'ipotesi di operatività sia gestionale sia finanziaria, il factor effettua una analisi di merito creditizio dell'impresa finalizzata a:

    • Determinare la capacità di credito dell'azienda in termini di capacità di reddito prospettica

    • Valutare la capacità patrimoniale e finanziaria dell'impresa intesa come attitudine presente e prospettica dell'impresa stessa a mantenere condizioni di equilibrio patrimoniale e finanziario

    Vengono valutati i garanti al fine di determinare il patrimonio responsabile complessivo.

    La presenza di una garanzia di un consorzio fidi riduce il profilo di rischio.

    Chiusa positivamente l'analisi di merito creditizio si passa all'esame accurato del circolante finalizzato a valutare, insieme al cliente, le migliori modalità di intervento del factor.

  • I costi del factoring

    I costi del factoring sono di tre tipi:

    • Il costo relativo alla gestione dei crediti (commissione), percepito sull'ammontare dei crediti ceduti, che dipende dalla tipologia di servizi di gestione offerti e dalle caratteristiche dei crediti ceduti

    • Le spese accessorie, cioè oneri quali handling (lavorazione fatture), valutazione debitori, istruttoria, spese postali, ecc., correlati alla qualità del servizio offerta

    • Il costo (interessi) relativo alle anticipazioni erogate dal factor sotto forma di pagamento (in tutto o in parte) anticipato del corrispettivo del credito